Alberto Sordi : Io so io e voi non siete un …

Nando L'”americano”

Cento anni e non sentirli, carissimo Alberto Sordi, nato a Roma il 15 giugno del 1920 e scomparso il 24 Febbraio 2003 all’età di 82 anni.Avrebbe appunto compiuto 100 anni quest’anno e noi tutti appassionati della commedia all’Italiana non possiamo non ricordarlo.

Oliver Hardy

Gli inizi di carriera non sono stati facili per il nostro “Albertone”, ma credo che il suo primo mestiere di doppiatore del grande Oliver Hardy, (Stanlio e Ollio)gli abbia fatto capire che per essere un grande attore comico, l’espressività a volte vale quanto, se non di più di una battuta, ecco perchè lui più di altri ha “mascherato” nei suoi numerosi personaggi le virtù e le tante debolezze degli Italiani.

Il suo primo grande successo cinematografico,fu I VITELLONI, DEL 1953, regia di Federico Fellini, suo grande amico. Memorabile fu quella scena dove facendo il gesto dell’ombrello esclama LAVORATORI! seguito da una sonora pernacchia.

L’anno successivo (1954) esce il Film UN AMERICANO A ROMA per la regia di Steno ,ed è la consacrazione di Sordi. La sua magistrale interpretazione di Ferdinando “Nando” Mericoni alias SANTI BAILOR nella scena del “maccarone,m’hai provocato, e io ti distruggo adesso,maccarone io te magno!” diventa un cult del cinema Italiano.

Da qui in avanti un susseguirsi di grandi successi . Innumerevoli i personaggi da lui interpretati prevalentemente in chiave comica, che lo eleggono a mostro sacro della commedia all’italiana.http://trovacinema.repubblica.it/

Personalmente ho sempre amato questo attore, anche se sono di un’altra generazione.Tra i miei film potrei dire preferiti, c’è BELLO ONESTO IMMIGRATO ITALIA, SPOSEREBBE COMPAESANA ILLIBATA del 1971 e IL MARCHESE DEL GRILLO del 1981 diretto dal grande Mario Monicelli.

io so io, e voi non siete un cazzo! Questa è la mitica frase che ha contraddistinto il Marchese del Grillo, e che è diventata un modo di dire ancora oggi molto attuale.

Il 16 Settembre 2020 aprirà al pubblico la sua villa a Caracalla, dove ha vissuto per 50’anni, e sara allestita al suo interno una mostra in suo onore…Grazie ancora Alberto..

La villa di Alberto Sordi

Precedente La Lombardia siamo noi: il tridente Successivo Le Supercazzole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.