C’eravamo tanto amati


BEI TEMPI
C’eravamo tanto amati.Nessuna retorica ma solo un po’ di nostalgia per quel calcio spensierato di un tempo, spoglio da grandi interessi economici,dove ci si divertiva a stare insieme dopo la scuola,in quei “campi di calcio” improvvisati nei nostri quartieri.
Adesso quel calcio non c’è più siamo diventati grandi, i nostri figli prima di dare un calcio ad un pallone vogliono la maglia del campione, e noi genitori vogliamo fare i procuratori.c'eravamo tanto amati

IL RAZZISMO
I bambini non sono razzisti,lo si “diventa”crescendo, il perchè è difficile da spiegare,la società ci spinge verso il denaro, e di conseguenza diventiamo egoisti, anche violenti se qualcuno mette a rischio il nostro benessere. Il calcio è lo sport più popolare, è il manifesto più vicino al nostro modo di pensare, lo stadio diventa la nostra arena di sfogo, il posto dove scaricare la nostra frustrazione settimanale.

LA MORTE
Siamo alla fine del 2018 e dobbiamo ancora parlare di morte per una partita di calcio. LEGGI QUI Non importa che partita si stia giocando,ma il modo con cui noi la vogliamo interpretare Non si va per lo spettacolo che offre ma perchè è l’occasione per dare visibilità alla nostra rabbia sociale, infarcita da tanta cattiva politica.

LO SPETTACOLO DEVE CONTINUARE
E’ la risposta scontata di questo mondo,dove con la scusa di non darla vinta ai violenti o razzisti, si mascherano le vere intenzioni,ovvero interessi economici che questo calcio offre, e fermarlo significherebbe stravolgere tutti i programmi, col rischio di perdere molti soldi.Avanti tutta allora con la speranza che l’anno nuovo che sta arrivando ci porti dei buoni consigli..Auguri!

Precedente La pantofola d'oro Successivo Amore di plastica

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.