il centurione

Salvini vuole Roma..
la marcia su Roma

A Matteo Salvini la posizione di leader gli piace eccome, visto che si butta a capofitto su tutti i decreti che potrebbero alla lunga rivelarsi vincenti, con il pericolo di far riprendere quota ai suoi alleati di governo.Ecco dunque prendere di mira il decreto “salva Italia” ma ribattezzato da lui come “salva roma”.

ROMA LADRONA

Salvini è bravo ad accarezzare la pancia degli italiani, e così rispolvera un vecchio dogma bossiano per attaccare il sindaco di Roma Virginia Raggi sulla gestione della capitale.

IL DECRETO

Certo che parlare di soldi con Roma fa sempre un certo effetto, visto gli scandali avuti con mafia capitale, ma questo decreto salva italiani, non va nella direzione sospettosa come si potrebbe pensare.Si tratta soltanto di rivedere gli interessi che il comune deve sborsare per pagare un prestito obbligazionario richiesto dall’allora sindaco Valter Veltroni.(2003)

Valter Veltroni

GESTIONE COMMISSARIALE

Se ci sono soldi bisogna mangiarli, ecco dunque sotto la gestione del signor Gianni Alemanno,(2010)nascere una “gestione commissariale” del debito romano, dal costo complessivo di 500 milioni all’anno. Come dire oltre agli interessi sui debiti aggiungiamoci le spese per gestirli! Facile no?

Gianni Alemanno

MARCIA SU ROMA

Adesso tutti vogliono prendersi Roma,(lega?) se passasse questo decreto Virginia Raggi avrebbe la possibilità di abbassare tasse e irpef dei romani, e sarebbe un successo da evitare. La consegna della capitale a suo tempo ai 5 stelle fu premeditazione politica per distruggere il movimento anti casta.https://www.linkiesta.it/

O TUTTI O NESSUNO

E’ il furbo motto di Salvini, che per bloccare questo decreto tenta di coinvolgere tutti i comuni italiani. Molti di questi sono a gestione leghista, soprattutto in quelle zone dove il “Roma ladrona” è ancora molto sentito.Forse si è dimenticato che i suoi vecchi amici di ruberie quando erano a Roma ne hanno fatte molte, e sarebbe meglio avere un po’ più di rispetto politico con chi gli ha permesso di diventare ministro dell’interno con il 17% dei voti..

Precedente il tesoro di Venezia Successivo l'Italia del Tennis mondiale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.