Crea sito

Infantino: no alla superlega

Gianni Infantino

Era il 1998 quando Adriano Galliani amministratore delegato dal 1987 al 2017 del calcio Milan, aveva avanzato il progetto di una superlega europea, che comprendesse solamente la crema del calcio continentale.Siamo al 2021 e Il progetto sembra essere pronto, ma ai vertici della fifa non piace e in questi giorni hanno ribadito il parere negativo alla suo realizzo.

La superlega europea o European Premier League, è di fatto una nuova competizione calcistica riservata ai migliori club d’ Europa, che andrebbe a sostituire l’attuale Champions a partire dal 2022.

no alla superlega

Un progetto fortemente voluto dai top club dei principali campionati del continente, e dall’ECA, l’associazione dei club europei presieduta dal numero uno della Juventus Andrea Agnelli. Un torneo praticamente ad inviti, che garantirebbe alle squadre partecipanti introiti importanti: secondo Sky News infatti, la banca d’affari statunitense JP Morgan sarebbe pronta a finanziare la Superlega con un prestito da 5 miliardi, che potrebbe essere poi ripagato dagli introiti dei diritti tv. Il torneo è fortemente voluto dai grandi club, in primis Real Madrid, Bayen Monaco, Liverpool, mentre le italiane convinte sono Juventus Milan e Inter, in totale le partecipanti fisse sarebbero 15, più le 5 squadre che si sono distinte nella stagione, per un totale di 20 squadre.

La fifa per voce del suo presidente Gianni Infantino ha espresso parere decisamente contrario alla superlega, minacciando di fatto tuti i giocatori che decideranno di aderire ad essere esclusi da tutte le competizioni organizzate dalla FIFA, varrebbe a dire Europei,Mondiali,Coppa America ecc..https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/

No alla superlega. Sembra chiaro l’intento dei grandi club, creare un circolo esclusivo, per mettersi al riparo da ogni rischio di perdite economiche causate dagli errori di mercato, o tecnici. Avere sempre la garanzia di entrate economiche per poter vivere tranquilli. Troppo facile e comodo direi, togliere il sale della competenza, ed escludere dalle sfide la passione sportiva che ancora esiste nei piccoli club. Mettere in piedi un torneo così potrebbe inizialmente dare curiosità, ma poi la ripetitività delle partite senza sorprese porterebbe ad una noia mortale…https://ciaovecio64.altervista.org/il-calcio-su-marte/

Questo video lo dedico a tutti i calciatori e presidenti viziati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.