La signora Belfagor

La signora Belfagor

IL PIANTO
Elsa Fornero, la “belfagor” italiana, quella che con quel famoso pianto ha terrorizzato(fregato) milioni di lavoratori. era il 6 dicembre 2011 di quel famigerato governo Monti.

GLI ESODATI
Il primo flagello di questa sciagurata signora si chiamano esodati, quel gruppo (350 mila) di lavoratori che sono usciti dal mondo del lavoro nel 2011 con la speranza di andare in pensione con le vecchie regole, poi cancellate dalla legge Fornero. In pratica si sono ritrovati senza stipendio, lavoro e pensione.Dal 2012 ad oggi sono state attuate ben 8 salvaguardie, per restituire i requisiti pensionistici, e ridare dignità a queste persone.

GIOVANI
Il secondo danno evidente di questa legge è stata la disoccupazione fra i giovani,arrivata al 42%, bloccando un giro economico imponente, perchè i giovani con un reddito spendono per costruirsi un futuro.

QUOTA 100
Il cavallo di battaglia del governo sponda lega è il voler abolire questa legge, e nell’ultimo decreto economico è stata approvata la cosi detta quota 100, che dovrebbe rimettere a posto un po’ le cose, far si che ci sia la possibilità di andare in pensione prima per lasciare spazio ai giovani.LEGGI QUI

LO SCONTRO
l’ex ministro del lavoro si fa vedere spesso in tv per far valere la sua competenza economica, e su questo possiamo essere anche d’accordo, ma non si può accettare che lei abbia “punito” solo la classe operaia, risparmiando vitalizi pensioni d’oro e le banche dissanguate dai potenti debitori. Il suo governo non aveva “colori” politici poteva agire senza maschere, ma si capiva molto bene che c’erano i paletti della casta e doveva rispettarli.
SI RITIRI
E allora signora Fornero la smetta di presentarsi in televisione per tentare di riabilitarsi con gli italiani, si ritiri con la sua dorata pensione che questa Italia ancora le concede, perchè di eroico o democratico nella sua legge non c’è stato nulla.

Precedente Luciano Ligabue Luci D'america Successivo Te la do io l'Europa

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.