Le teste di struzzo

La stizza di Balotelli

in Italia il bel calcio non fa più notizia, forse perchè se ne vede ben poco, oramai a farla da padrone sono gli ultras delle squadre, quei “super tifosi” che manifestano un amore viscerale per la propria squadra, e che al tempo stesso le società se li tengono ben stretti, malgrado sempre più spesso creino non pochi problemi.

l’ultimo episodio a sfondo razziale si è manifestato domenica scorsa allo stadio Bentegodi di Verona, durante la partita del campionato di serie A tra Verona e Brescia. Ad un certo punto della partita il giocatore del Brescia Mario Balotelli ferma il gioco e calcia il pallone verso la curva degli ultras del Verona, colpevoli di averlo insultato con dei “ululati” a sfondo razziale.

Il giocatore Italiano Mario Balotelli è fra i giocatori più “antipatici” del nostro campionato, già da giovanissimo quando militava nell’Inter (2007-2010) malgrado il grande talento, mostrava un pessimo atteggiamento sportivo.I continui atteggiamenti isterici del giocatore indusse l’allora presidente Massimo Moratti a liberarsene, malgrado fosse molto giovane e di grandi doti calcistiche.

Le polemiche non si sono fatte attendere, l’indignazione per l’ennesima ostilità razziale ha coinvolto un po’ tutti, malgrado il personaggio in questione non goda di stima comportamentale.Singolare e molti indicativa è stata la motivazione del Capo ultras del Verona calcio. BALOTELLI NON SARA’MAI DEL TUTTO ITALIANO. Poi tenta di scusarsi con un’altra frase molto eloquente. Anche noi abbiamo un NEGRO in squadra e quando ha segnato gli abbiamo battuto le mani.

le teste di struzzo. Dalla politica soprattutto vengono i segnali più incoerenti. Da un lato si vuole rifiutare la discriminazione del colore della pelle, dall’altro si tende la mano ad un elettorato esattamente all’opposto.La platea calcistica (non lo scopriamo adesso)offre il basso profilo intellettuale del nostro paese, se guardiamo con “simpatia” queste situazioni, non possiamo sentirci un popolo civile. https://www.corrieredellosport.it/

Precedente La radio tax Successivo La signora Segre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.