non ti dico no

GOVERNO #GIALLOVERDE

1° giugno 2018 inizia il governo lega/5stelle e il neo ministro dell’interno Matteo Salvini comunica all’Europa la sua linea politica sui migranti, una posizione completamente opposta ai governi precedenti, dettata anche dal crescente disagio creatosi negli ultimi anni di grandi sbarchi di migranti.
La posizione di chiusura dei porti nei confronti delle ong è chiara,mettendo in evidenza la riluttanza dei paesi dell’unione europea a ridistribuire i migranti.

CAVALLO DI TROIA

Se per le ong battenti bandiera straniera c’è il divieto di attracco, ecco arrivare la “soluzione” per continuare il flusso migratorio, e mettere in difficoltà le regole dettate da Salvini, cioè far salire i migranti su navi italiane,per poter approdare nei porti italiani.L’attracco al porto di Catania di questi giorni ha creato non pochi scontri politici per l’iniziale divieto di sbarco dei migranti a bordo, che guarda caso è sempre composto da una quota di donne e bambini,che sono un sicuro lasciapassare umanitario.

NON TI DICO NO
si smuove finalmente e si prende carico di questi poveri cristi, e comunica che saranno ospitati a Rocca di papa VEDI per poi essere destinati nelle varie diocesi italiane. Bene se vogliamo, arriva il tanto atteso sostegno del Vaticano, sempre presente con le dichiarazioni, ma mai nei fatti.Una svolta? forse, gli scandali sulla pedofilia che li hanno travolti hanno fatto perdere credibilità alla chiesa, questo tendere la mano ai migranti, è l’opportunità di recuperare consensi, perchè c’è da difendere il lato economico che i fedeli portano, che se si allontanano son dolori.

CI SARA’
un’altro “carico” di migranti da parte della diciotti, a sfondo politico più che umanitario, visto che la questione migratoria è l’unico punto “debole” dove le opposizioni politiche possono attaccare il governo.
E’una vergogna che i migranti vengano usati per coprire politiche interne fallimentari.Speriamo finisca questa porcheria umana..

Precedente tuca tuca Successivo il sognatore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.