PREZZI: Il “suicidio assistito”

Tutto aumenta

La “ripresa” post covid sta diventando un salasso per tutti noi consumatori. L’aumento dei prezzi al consumo di quasi tutti i beni d’uso quotidiano, sta letteralmente mettendo alle corde la tanto attesa ripresa economica. Le speculazioni delle multinazionali dell’energia ( vedi gas e petrolio) hanno pugnalato alla schiena ogni più rosea previsione di rilancio.

GAS NATURALE : L’aumento del prezzo del gas naturale e di altri combustibili fossili inizia ad avere effetti anche nel settore dei trasporti, con aumenti significativi ai distributori. Il GPL ha raggiunto un prezzo medio intorno agli 0,735 euro al litro, rispetto al prezzo medio mensile di 0,592 di un anno fa. Gli aumenti hanno interessato anche il metano per auto, il cui prezzo oscilla tra gli 1,157 e gli 1,631 euro al chilogrammo, con un aumento di oltre 20 centesimi al chilogrammo rispetto a pochi mesi fa.

prezzi sempre più in alto!

PETROLIO : Il forte aumento del greggio sembra destinato a continuare dopo esser passato in una anno da un minimo di 33,82 $ il 1° novembre 2020 a più del doppio rispetto all’attuale 78,68 $ al barile. Tecnicamente, con il prezzo già al suo livello più alto da novembre 2014, c’è poca resistenza fino ai livelli intorno ai 100 $ raggiunti nel giugno di quell’anno, anche se chiaramente si tratta di un obiettivo a lungo termine piuttosto che a breve termine e il prezzo deve rompere prima il “numero tondo” 80 $. E di conseguenza i prezzi del carburante vanno alle stelle:  la benzina self service a 1,750 euro/litro (+1 millesimo, compagnie 1,756 pompe bianche 1,734), il diesel a 1,615 euro/litro (+1, compagnie 1,620, pompe bianche 1,603), il Gpl servito a 0,823 euro/litro (+2, compagnie 0,832, pompe bianche 0,810) e il metano servito a 1,648 euro/kg (+3, compagnie 1,704, pompe bianche 1,600). Sulle autostrade la benzina in modalità servito si attesta abbondantemente oltre quota 2 euro, a 2,048 euro, mentre a questo tetto si avvicina il gasolio (servito 1,954). Se poi Gli italiani preferiscono ancora le care “vecchie” auto a benzina e diesel. Sono questi due tipi di carburante, infatti, i più usati anche per i nuovi veicoli: 6 su 10 immatricolazioni nel 2021 riguardano auto a benzina o diesel. Siamo noi a porgere l’altra guancia.

AGROALIMENTARE : Il meteo e pandemia fanno lievitare i prezzi degli alimentari…https://www.today.it/

Il suicidio assistito. Il tanto desiderato ritorno alla “normalità” ci sta costando caro, l’aumento delle materie prime inflitto specularmente dalle multinazionali mette in evidenza la prigione globale dove ci siamo infilati. Siamo al “suicidio assistito” da parte del G20

La cena del G20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.