Rolling Stones: Living in a ghost town

Ritornano i Rolling stones, dopo 8 anni di silenzio,e lo fanno (a sorpresa) con il brano dal titolo LIVING IN A GHOST TOWN, scritto un’anno fa da Mick Jagger, e Keith Richards .La canzone nel testo dice “sono un fantasma che vive in una città fantasma”, niente di più profetico, visto il periodo di Lockdown che stiamo vivendo.Ecco dunque la band più longeva della storia della musica ritornare nelle radio di tutto il mondo.

La città deserta
Brian Jones

The history of the rock. I Rolling Stones sono una band inglese di rock and blues, nata negli anni 60, che in quasi sessant’anni di attività , ha venduto più di 250 milioni di dischi, entrando nel 1989 nella Rock and Roll Hall of Fame .Il gruppo fu fondato da Brian Jones, morto nel 1969 a 27 anni per cause mai del tutto chiarite. Fu sostituito da Mick Taylor, che se ne va nel 1974, che viene a sua volta sostituito da Ron Wood .L’attuale formazione è composta da Mick Jagger (voce) Keith Richards (chitarra ) che sono anche i cofondatori assieme appunto a Brian Jones, Charlie Watts (batteria) e Ron Wood (chitarra).

La “linguaccia” è il simbolo iconico del gruppo, è nata nel 1970 per mano di uno studente del Royal College of art di Londra, un certo Jonh Pasche. Fu lo stesso Mick Jagger a contattarlo, perchè gli serviva un simbolo che rappresentasse la sua band. Il giovane studente trovò l’ispirazione nel vedere la bocca e le labbra di Jagger diciamo importanti. Niente di più azzeccato, tanto che questo logo pagato all’epoca 50 sterline, è stato acquistato dal Victoria and Albert Museum di londra per 93 mila dollari.

Grandi successi. Credo che per una band così importante e storica con un vastissimo repertorio di canzoni di successo, ognuno di noi abbia una sua personale “classifica” di ascolto. Tra le mie preferite c’è sicuramente SATISFACTION del 1965 , MISS YOU del 1978 e START ME UP dell’1981, e le vostre?

Satisfaction
MISS YOU

Precedente Il raglio nazionale Successivo L'estate sta finendo..

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.