tuca tuca

HARVEY WEINSTEIN
tutto parte da lui, il produttore cinematografico statunitense che viene definito il porco di hollywood, da quando venne accusato di molestie sessuali da parte di attrici e collaboratrici, e tra questa anche l’attrice italiana Asia Argento, figlia del re dell’horror italiano Dario Argento.

ME TOO
il movimento femminista creato nel 1996 dall’attivista Tarana Burke, ma è l’attice Alyssa Milano a renderlo virale creando appunto l”hastag #METOO, condiviso da milioni di vip su twitter. Un movimento femminista che denuncia gli abusi di potere a sfondo sessuale nel mondo del lavoro.

ASIA ARGENTO
l’attice italiana diventa il punto di riferimento principale di questo movimento,
tanta è la sua rabbia nei confronti di chi pratica le richieste sessuali in cambio di un lavoro, o in questo caso un ruolo o una parte in un film.La sua determinazione però non trova terreno facile, nel mondo dello spettacolo principalmente, dove la fame di successo si divora ogni dignità, alcune attrici icone del cinema,Catherine Deneuve LEGGI QUI in prima fila, si dichiarano contro il movimento, considerato estremista negli intenti, e troppo contro la libertà sessuale espressa dagli uomini.

IL BOOMERANG
chi è Asia Argento per essere così spietata, un’attrice debole, anche dal punto di “vita sessuale”, tant’è che si fa notare più per le sue gesta erotiche e compagni di vita che grandi parti in film, e così arriva “puntuale” l’accusa di molestie sessuali ad un minore, quel Jimmy Bennet LEGGI QUI attore fallimentare che all’epoca del “rapporto di lavoro” aveva 17 anni.Una bomba che esplode addosso alla Argento che a suo tempo aveva tentato di disinnescare con un contributo economico di 380 mila dollari.

IL TRACOLLO
inevitabile dunque la reazione del mondo dell spettacolo a questo scandalo,e arriva inesorabile la possibile esclusione da Xfactor programma di sky uno che inizia a settembre. Forse è solo l’inizio di un momentaneo declino, ma voler essere paladini di giustizia morale quando si ha l’armadio pieno di scheletri,non mi sembra proprio una buona scelta.Si rischia di far più danni, a quelli già esistenti..

Precedente el dorado Successivo non ti dico no

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.