verdi di rabbia

ANGELA MERKEL
Non attira più, le ultime elezioni regionali(Baviera e Assia)la vedono in declino.Sconfitta dunque per il suo partito il cdu (unione cristiano democratica) a favore dei Verdi, partito nato nel 1993, storica presenza politica nel territorio tedesco, in costante crescita.

LEADERSHIP
L’annucio, di voler lasciare la guida del partito LEGGI QUI a dicembre.
Dopo 28 anni in politica(1990) e 4 mandati da cancelliera (2005-2009-2013-2017) decide di non ricandidarsi nel 2021.

COERENZA
dopo 30’anni di servizio che non sono pochi, ma che ci fa riflettere su come viene vissuta negli altri paesi la carriera politica,un servizio a favore dei cittadini, e non un interesse personale come spesso accade in italia.

LA FINE DELL’EURO?
Angela Merkel se ne va, e si porterà dietro anche l’euro? la moneta unica che ha favorito solo la Germania in questi anni di grande crisi, dove quello che fu il presidente della bundesbank, un certo HANS TIETMEYER che rivelò i rischi della moneta unica nei confronti di chi non aveva un’economia equilibrata (debito).Ecco dunque l’assist (volontario?)alla Germania che ha di fatto fronteggiato la crisi a spese di quelle nazioni indebitate come Grecia e Italia, costringendole a grandi recessioni economiche e a vendere le loro migliori aziende.Vedremo da qui al 2021 cosa ci lascerà in eredità la signora d’europa..
IMMIGRAZIONE
Ma non’è l’euro a sconfiggere la cancelliera nel suo paese(ovviamente), ma ben si il suo favore nei confronti dell’immigrazione,forse tradita dalla buona salute economica del suo paese, si è concessa ad un’immigrazione sconsiderata,alla fine bocciata anche dai tedeschi.

Precedente elisa diari aperti Successivo nessuno mi può giudicare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.