Agitu Gudeta: La mia africa

la mia africa
Agitu Ideo Gudeta
Adams Suleimani

Il tragico colpo di coda di questo maledetto 2020 appena finito, riguarda il macabro assassinio di questa bella signora di origine Etiope dal nome di Agitu Gudeta, che avrebbe compiuto 43 anni il 1 Gennaio 2021, per mano di un suo dipendente, per un mancato pagamento di un stipendio. L’aggressore un certo Adams Suleimani Ghanese di 32 anni, dopo averla colpita mortalmente con un martello, ha anche abusato del suo corpo.

Agitu era arrivata in Italia a 18 anni per laurearsi Trento in sociologia, per poi tornare nella sua amata Etiopia, a combattere il  land grabbing, ovvero l’esproprio delle terre da parte delle multinazionale straniere. Il suo impegno l’aveva messa in pericolo di vita, complice anche la guerra nel corno d’Africa, la costrinse a far ritorno nel 2010 in Italia, e precisamente in Trentino, dove individua nella tranquilla e solitaria Valle dei Mocheni la terra dove costruire la sua “piccola Africa”. Li mette a frutto la sua cultura agricola avviando un allevamento di capre autoctone come appunto la capra Mochena. La sua azienda chiamata LA CAPRA FELICE aveva raggiunto gli 11 ettari con ben 180 capre, dove produceva latte, formaggi , yogurt, tutto rigorosamente biologico.

Malgrado che il successo raggiunto dalla sua attività fosse diventato un modello di integrazione, gli attacchi a sfondo razziale non sono mancati. Nel 2018 la vide costretta a denunciare un suo vicino per insulti, minacce, e danneggiamenti ai suoi terreni.

Raccolta fondi. Il sogno di Agitu non si deve fermare, la sua azienda è un piccolo gioiello da custodire, ed ecco che si è attivata una raccolta fondi perchè la suo impegno continui a vivere.La raccolta è stata lanciata dal presidente dell’associazione amici dell’Etiopia Zebenay Jabe Daka,con l’obbiettivo di raggiungere quota 80 mila euro.(quota quasi raggiunta) https://www.trentotoday.it/attualita/agitu-capra-felice-proposte-adozione.html

La mia Africa. Tornerà nella sua terra la nostra “heidi”, per giusto volere dei suoi famigliari, la sua bontà, e generosità non ha trovato fortuna nemmeno nel nostro paese che lei considerava la sua seconda patria, vittima ancora una volta di violenza maschile..Riposa in pace…https://ciaovecio64.altervista.org/senza-una-donna/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.