Crea sito

Spreco alimentare: il cibo non si butta!

Spreco alimentare

Quanti di noi si ricordano dei rimproveri dei nostri genitori, che a pranzo o a cena ci riprendevano perchè avanzavamo del cibo, vuoi perchè non era molto appetibile o semplicemente non avevamo molta fame, e la frase di rito era ” guarda che ci sono bambini che non hanno nulla da mangiare” il cibo non si avanza e men che meno si butta.

Pane buttato

Lo spreco alimentare è diventato importante, i numeri sono in costante aumento, se pensate all’alimento più semplice e comune come il pane, solo in Italia ne vengono buttati ogni giorno ben 13 mila quintali, che se vogliamo tradurli in denaro, sono 43 milioni all’anno. Una “distrazione” pesante e vergognosa.

Nel mondo vengono buttati più di un miliardo di tonnellate di cibo ogni anno, e il dato è in costante aumento. si pensa che da qui al 2030 si potrà arrivare ai 2 miliardi. Pazzesco. Le nazioni maglia nera sono gli Emirati Arabi, seguiti da Bulgaria e Russia, mentre le più attente sono, la Francia (stato con meno obesi del mondo) l’Olanda e il Canada.

Le cause principali di spreco alimentare sono, la dimenticanza dei prodotti al limite di scadenza, frutta e verdura acquistati troppo maturi e di conseguenza deteriorabili in brevissimo tempo, e anche che si acquista più del necessario, attratti dalle offerte (es. 3×2), per non parlare dei ristoranti,mense, ecc..

Ma ci sono anche delle buone strategie per ridurre lo spreco. La più utilizzata è il congelamento dei prodotti in eccesso, e la conserva degli avanzi, per riutilizzarli alla sera o il giorno seguente.https://www.verdeazzurronotizie.it/

il cibo non si butta! è la parola magica dei nostri nonni che hanno conosciuto la “fame ” del dopoguerra, e se vedessero questi sprechi, quante tiratine d’orecchio prenderemmo. Il non sprecare il cibo è un dovere civile, non basta sentirsi sollecitati solo quando ci sono le giornate annue dedicate, ma deve essere un obbiettivo giornaliero di rispetto per chi ancora soffre la fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.